venerdì 18 marzo 2016

Sfinci di San Giuseppe e auguri al mio papà


Un vero uomo è il proprio padre.
Jean Anouilh, La foire d'empoigne, 1979

Potrei anche fermarmi qui e non aggiungere altre parole, perchè la citazione sopra dice tutto.
Domani è la festa del papà ed io ho voluto preparare un dolce che in Sicilia viene preparato per questa ricorrenza.
Mio papà adorava la "sfincia" ed io domani gustandola mi sentirò vicino a lui <3.
Naturalmente ho voluto omaggiare anche il mio compagno di vita, padre dei miei due splendidi gioielli.
Auguri a tutti i papà degni di questo nome.
La sfincia è un dolce fritto tipico siciliano, ha un aspetto irregolare e il suo interno si presenta spugnoso da cui ha preso il nome (spugna).
Viene farcita con crema di ricotta, granella di pistacchi e ciliegia e scorzette candite (che io ho omesso)
Ho seguito la ricetta di mia sorella :-)
Per 8 sfince:
2 uova
125 ml acqua
125 g farina 0
75 burro
un pizzico di sale

300 g ricotta di pecora
100 g zucchero
1 pizzico di cannella
1 cucchiaio di gocce di cioccolata
30 g granella di pistacchi
4 ciliege candite.
olio per friggere.
La preparazione di questi dolci è abbastanza semplice, si preparano come i bignè, la cosa più fastidiosa è la frittura che vi spiegherò più avanti.
In un tegame versate l'acqua, il sale
e mettete il burro.

Accendete il fuoco, e non appena il burro si scioglie, versate la farina e mescolate con un cucchiaio di legno. Si formerà una palla che si stacca per bene dalle pareti del tegame, spegnete il fuoco.

Mettete l'impasto ottenuto in una scodella, fatelo raffreddare un pò e poi unite il primo uovo.
Con l'aiuto delle fruste elettriche mescolate per bene e non appena l'uovo si è assorbito aggiungete l'altro.
Dovrà risultare un composto non lavorabile a mano.
In un tegame a bordi alti, mettete l'olio per friggere.
Qui dovete avere un pò di pazienza.
Non appena l'olio è caldo, versate un cucchiaio di composto.
Dovrete rigirare in continuazione la sfincia e con l'aiuto di un cucchiaio di legno date dei piccoli colpetti alla frittella.
La temperatura dell 'olio non deve essere troppo alta altrimenti la sfincia si brucerà esternamente.
La cottura deve durare circa 7 minuti, trascorso qualche minuto la sfincia esploderà cioè formerà delle crepe
Vi consiglio di cuocere al massimo due sfince per volta perchè durante la cottura raddoppiano il volume iniziale.
Terminata la frittura del dolce, potete preparare la crema setacciando la ricotta con lo zucchero, la cannella e le gocce di cioccolato.
Inserite la crema ottenuta in una sacca da pasticcere, bucate leggermente l'interno facendo penetrare la crema e ricopritene anche la superficie.
Guarnite con granella di pistacchi e metà ciliegia candita.

Ecco l'interno spugnoso


Auguri a tutti i papà :-)

14 commenti:

  1. Davvero buoni e golosi!!! che belli!!! :-D Bacioni e buon week end!! :-D

    RispondiElimina
  2. QUANTO VORREI ADDENTARLI, SONO GOLOSISSIMI!!!BRAVA!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabry, li addenteremo domani :-)

      Elimina
  3. Per prima cosa un pensiero grande a papà Pisano e a Marcello che da lassù ci aiutano e riempiono di parolacce ahaha. Ci mancano da morire...e qui chiudo perchè sai che non amo molto parlare di queste cose.
    Partiamo dal presupposto che tra noi non esistono peli sulla lingua ..ste sfince sono bellissime.E sai perchè? Rispetto la maggior parte di quelle che ho visto in giro questi giorni sono deliziosamente imperfette, quindi vere. Non come appena uscite da una vetrina della pasticceria.
    Quindi brava, Pi del mio cuore ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, secondo me hanno fatto pure amicizia <3
      Grazie Pe <3

      Elimina
  4. Bellissime e golose, sono certa che le sta gustando anche lui sorridendoti da lassù ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente Giovannina, ne sono convinta :)

      Elimina
  5. Che golosità! Complimenti per il tuo blog e le ricette che pianino mi leggerò. Buon fine settimana! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille e ben venuta tra i miei lettori :-)

      Elimina
  6. Giovanna, complimenti per questi dolcetti fantastici, sei stata bravissima tesorino! Sono una vera golosita sublime!
    Un caro abbraccio e felice domenica!
    Laura<3<3<3

    RispondiElimina
  7. Quindi sfincia significa spugna? Ho capito bene? Chissà che delizia che sono. Brava a te e tua sorella :-) Bacioni e buona domenica

    RispondiElimina
  8. Golosissimi con questa crema di ricotta e pistacchi... irresistibili!!!!

    RispondiElimina